professione papà

Fratello Bianco e sorella Augusta

Come in una coppia di comici che si rispetti, fratello e sorella assumono i caratteri dei due clown che si spalleggiano e si ostacolano. Il primo assume i tratti di un clown bianco, più attento alla forma delle cose e un po' aristocratico; cerca sempre di darsi un tono e spesso fa il maestrino. La seconda invece è un augusto, o augusta, viscerale, pasticciona e di una tenerezza che fa venire le lacrime; sempre altruista ma anche capace di furbizie sorprendenti. Entrambi non hanno peli sulla lingua e quando possono sparano a zero, distruggendo le certezze e alimentando le insicurezze dei loro poveri genitori, ridotti a comparse necessarie per la buona riuscita delle loro messe in scena.

Le loro verità sono spesso contradittorie e sorprendenti, convinti come sono di essere sempre nel giusto. Infatti, come qualche maestro ricorda, la comicità non nasce dall'intenzione di far ridere, ma dalla convinzione di essere nel giusto nel momento sbagliato. "Andate a guardare i bambini piccoli se volete capire cos'è un clown”, ripeteva sempre un mio caro maestro, ora che ne ho due pian piano riesco a trarre qualche insegnamento dalle loro semplici vicende, piene di una complessità che a prima vista sfugge. 

Ecco la terza raccolta di frasi celebri dell'ormai 7enne e dell'ormai 3enne. Stavolta sono tante, ma spero che scorrano in fretta e che aiutino anche il lettore a farsi una bella e spensierata risata.

Il 7enne a me: papà lo so che stai mangiando ma ti devo dire una cosa, quindi puoi stare zitto.

La 3enne: oggi non vado a scuola, ho la febbre. La mamma: se vuoi ti metto la gonna. La 3enne: siiiiiiiiiii!!!!!

Le frasi di un seienne (2)

Questa è la seconda raccolta di frasi pronunciate dal mio seienne, dopo la prima pubblicata qualche mese fa. Frasi di questo tipo sono ben note ad ogni genitore, che di sicuro ogni giorno ne sente parecchie; ovviamente la quantità è tale che non si ha mai la memoria per ricordarle tutte o la prontezza di scriverle da qualche parte. Ecco la seconda manciata di piccole frecciatine di sfrontatezza. 

La nonna al seienne: dammi una patatina. Lui: no perché sono buone e se ti piacciono me ne chiedi un'altra. 

Il seienne: ho usato quello delle uova per distruggere tutte le nuvolette e tutti i castelli. Io: cosa?? Lui: papà!! Angry birds!!

Noi al seienne: e se iniziassimo a lavorare da casa per stare più tempo insieme? Lui: telefonate ai vostri capi però, sennò si preoccupano.

Io al seienne: metti in tasca la caramella che ti ha regalato il signore. Lui: troppo tardi, ce l'ho già in bocca.

Certe frasi vanno tenute d'occhio

Le frasi di un bambino, oltre ad essere belle di per sé, possono diventare un ottimo materiale di lavoro per creare testi o immaginare situazioni.

Una frase giusta inserita in un contesto particolare può provocare un'esplosione. Immaginate una ragazza che dopo un bacio cinematografico fissa il fidanzato e dice: "ti puzza l'alito di ovetto kinder senza latte". Ovviamente la frase è stata tolta dal contesto originario e inserita altrove arbitrariamente, ma questi giochi fanno parte della ricerca.