Fratello Bianco e sorella Augusta

Come in una coppia di comici che si rispetti, fratello e sorella assumono i caratteri dei due clown che si spalleggiano e si ostacolano. Il primo assume i tratti di un clown bianco, più attento alla forma delle cose e un po' aristocratico; cerca sempre di darsi un tono e spesso fa il maestrino. La seconda invece è un augusto, o augusta, viscerale, pasticciona e di una tenerezza che fa venire le lacrime; sempre altruista ma anche capace di furbizie sorprendenti. Entrambi non hanno peli sulla lingua e quando possono sparano a zero, distruggendo le certezze e alimentando le insicurezze dei loro poveri genitori, ridotti a comparse necessarie per la buona riuscita delle loro messe in scena.

Le loro verità sono spesso contradittorie e sorprendenti, convinti come sono di essere sempre nel giusto. Infatti, come qualche maestro ricorda, la comicità non nasce dall'intenzione di far ridere, ma dalla convinzione di essere nel giusto nel momento sbagliato. "Andate a guardare i bambini piccoli se volete capire cos'è un clown”, ripeteva sempre un mio caro maestro, ora che ne ho due pian piano riesco a trarre qualche insegnamento dalle loro semplici vicende, piene di una complessità che a prima vista sfugge. 

Ecco la terza raccolta di frasi celebri dell'ormai 7enne e dell'ormai 3enne. Stavolta sono tante, ma spero che scorrano in fretta e che aiutino anche il lettore a farsi una bella e spensierata risata.

Il 7enne a me: papà lo so che stai mangiando ma ti devo dire una cosa, quindi puoi stare zitto.

La 3enne: oggi non vado a scuola, ho la febbre. La mamma: se vuoi ti metto la gonna. La 3enne: siiiiiiiiiii!!!!!

Il 7enne: un mio amico è nemico del disordine, lo deve sconfiggere. Io: e tu? Lui: anch'io sono un suo nemico ma non voglio sconfiggere nessuno.

La 3enne: lo sciroppo della mamma è terribile. Io: va preso, che ci vuoi fare? Lei: la prossima volta tu lo butti dopo che la mamma va via.

La 3enne: devo fare tanto poco. Io: vuoi dire meno? Lei: no, tanto poco. Meno è un'altra cosa.

La 3enne al 7enne: facciamo che io sono la nonnetta e tu il lupo? Lui: smettila, non voglio giocare a cappuccetto rosso.

Noi genitori al 7enne: hai tanti compiti per il fine settimana? Lui sorridendo: questa volta niente compiti. Noi in coro: siiiiiiiiiii!!!!

Il 7enne, torcia in mano, mi esamina la bocca: papà, la tua lingua sembra un cervello. Vuol dire che hai la lingua al posto del cervello?

Io al 7enne: stanotte hai avuto un sacco di tosse. Lui: Davvero? Io: sì, mi sono alzato per coprirti. Lui: è vero! C'ero anch'io!!

La 3enne: hic, hic, hic. Io: perché fai il singhiozzo finto? Lei: perché quell'altro non mi viene.

Io: buon giorno piccolo! Ti sei riposato? Il 7enne: sì, sono pieno di energie! Pieno pieno no, ma sotto sotto, sono pieno di energie, davvero.

Io al 7enne: la pasqua si avvicina, e noi scappiamo via! ah, ah, ah. Lui: noi non scappiamo, e la pasqua festeggiamo! ah, ah, ah! Io: O_o

La 3enne: papà, ho visto l'ombra di un lupo. Io: meno male era solo l'ombra. Lei: ma io ho paura anche delle ombre dei lupi!

Il 6enne mentre guarda la tv: posso fare il giochino con il tablet? Io: scegli, la tv o il tablet. Lui sorpreso: tutti e due... grazie.

La 3enne a me: papà, la mozzarella va là, non qua. Io: ti piace essere il capo vero? Lei: sì papà, mi piace tanto.

La 3enne alla mamma: mi metti un cartone? La mamma: Sì, ma devi dire per fa... La 3enne: no! Mi viene il mal di gola se dico quella parola.

Io alla 3enne: basta TV. Lei: noo! Io: il cartone è finito, è tardi e domani vai al nido. Lei: da domani non ti voglio più nella mia vita!!

La 3enne alla mamma: mi sposti la mia cucina? Lei: è pesante! ma perché? La 3enne: mamma, vado dietro la cucina perché devo fare la COOP.

La 3enne: voglio il ciuccio! Io: è solo per dormire, che te ne fai di giorno? Lei: lo devo ciucciare e poi non voglio parlare con nessuno!

Il 6enne: papà guardami! Io: scendi da lì, se cadi ti spacchi un dente. Lui: senti, io sono anni che aspetto di perdere un dente.

La 3enne: babbo non baciare la mamma, solo tra femmine. Io: devo baciare solo i maschi? Lei: sì. Il 6enne: noooo!!!

Io al 6enne: ora basta! Ma quanti cioccolatini ti mangi? Lui: due! Per far pari con le caramelle, anzi, tre!

Il 6enne: papà, lo sai che stanotte mi faceva male un ginocchio? Io: davvero? Quale? Lui: questo, oppure questo.

La 3enne: oggi c'era la Befana a scuola. Io: bello! E com'era? Lei: aveva la voce della maestra.

Nuovo lettore dvd. La 3enne: è brutto! È brutto! Io: perché? come lo volevi? Lei: nero no, era meglio rosa!

Il 6enne alla 3enne: muoviti! Io: basta, la paternale la faccio solo io. La 3enne a me: se mi fai una patirnalia ti metto in gabbia!! O_o

Il 6enne: vorrei un telecomando del tempo per rivedere le cose che mi piacciono. La mamma: cosa vuoi rivedere? Lui: mia sorella che fa gnam, gnam.

La 3enne: giochiamo a 1, 2, 3 stella? Il 6enne: no! Lei: dai! Lui: senti, io sono io, quindi mi decido da me, va bene?

Il 6enne: papà ho chiesto troppe cose a babbo natale, tolgo qualcosa dalla mia lettera. Io: davvero? Lui: quello che manca me lo compri tu?

Noi: volete piantare un albero ciascuno di voi, così crescete insieme? Il 6enne: sììì! La 3enne: sìììì! Il mio con il tronco rosa però!!

Il 6enne: quando sarò più grande mi insegni a recitare? Io:certo! Lui:aspetta, pensandoci bene meglio se mi insegni prima a usare il computer.

Il 6enne: basta papà non leggo più topolino, troppo difficile. Io: vuoi che te lo legga? Lui: è da mezz'ora che te lo dico e non capisci.

La 3enne: pipì, pipì. Io: vuoi fare la pipì? Lei: noooo!!! 'to guidando!!!

Il 6enne: di lavoro farei le bibite di frutta ma non posso. Io: perché? Lui: perché prima devo fare l'astronauta, poi l'entomologo, poi...